Ghost: tributo doveroso o un remake di cui si poteva fare a meno?

0
283
remake di Ghost

Ghost, il film romantico dal sapore soprannaturale per eccellenza, è sicuramente un cult degli anni 90 che ancora oggi riscuote un grandissimo successo di pubblico ad ogni uscita in TV. Ma cosa rende un film davvero speciale?

La sceneggiatura innovativa, i tempi dei dialoghi, la bravura degli attori, la fotografia o la regia? Forse, e dico forse perché, in fondo, il bello è soggettivo, a rendere una pellicola un vero cult è la giusta alchimia tra tutte queste cose.

Si perché se un protagonista in grado di lasciare a bocca aperta può fare la differenza, per rendere un film un icona di genere e un punto di riferimento di un’intera generazione ci vuole ben altro! E’ l’atmosfera che cattura lo spettatore trasportandolo in un mondo altro permettendogli di esplorare emozioni tanto forti quanto dolci e rendere un film “il film”.

Ghost, la pellicola cult con Demi Moore, Patrick Swayze e Whoopi Goldberg

Ghost è proprio uno di quei film che può a tutti gli effetti essere considerato un cult. Quando uscì negli anni ’90 consacrò i tre protagonisti, Demi Moore, Patrick Swayze e Whoopi Goldberg nell’olimpo delle star. Ancora oggi, ad ogni suo passaggio in TV, riscuote un successo che non conosce declino.

Ghost è la storia la storia di un amore che nemmeno la morte può sconfiggere, di un uomo e una donna che non si arrendono alle difficoltà e sono disposti a fare l’impossibile per proteggersi a vicenda, di una donna abituata a truffare il prossimo ma disposta a cambiare per i valori che valgono davvero.

Ma, soprattutto, Ghost è la perfetta alchimia tra amore e odio, tra gioia e dolore, tra vita e morte. Si perché grazie a questa perfetta alchimia di sentimenti la pellicola riesce a trasmettere la voglia di lottare con la certezza che è possibile superare le difficoltà per raggiungere la felicità più pura e autentica.

L’amore è il mezzo necessario che ci permette di passare indenni attraverso i momenti più bui. Una spinta positiva che fa venir voglia allo spettatore di alzarsi dal divano e uscire per andare incontro alla propria felicità. Anche quando state piangendo a dirotto e sorridendo di quel sorriso malinconico e dolce che parte dal cuore. Perché, inutile negare, lo sappiamo che davanti a Ghost vi riducete così.

Il film di Jerry Zucker uscì nelle sale nel 1990 e, ormai, appartiene di diritto alla storia del cinema. Ma serve davvero un remake?

E’ in arrivo il remake di Ghost

Grazie a Ghost l’attrice Whoopie Goldberg venne candidata e riuscì a vincere un Oscar per il personaggio della famosa sensitiva Oda Mae. Oda inizialmente non crede alla magia ma sfrutta credenze e superstizioni per guadagnare qualche soldo.

Nel corso della storia, però, si ritrova a scoprire di avere davvero poteri esoterici e decide di mettersi in gioco per aiutare il fantasma di Sam Wheat (interpretato dal compianto Patrick Swayze).

Sicuramente protagonista del film è la storia d’amore, ma il personaggio di Whoopie secondo me è altrettanto centrale.

Da un lato perché porta l’allegria necessaria a non farci soccombere in un mare di lacrime e malinconica tristezza, dall’altro perché il suo cambio di atteggiamento è la spinta propositiva di cui tutti sentiamo il bisogno.

Il momento di riscatto che chi soffre per amore sente di meritare. Ok, lo ammetto, non è reale ma soprannaturale ma, in fondo l’amore non è pura magia? Una magia di cui, a quanto pare, non riusciamo proprio a fare a meno.

L’attore Channing Tatum, dopo aver raggiunto il successo con Magic Mike, ha infatti annunciato di aver acquisito i diritti di Ghost.

E’ dunque in arrivo un remake di Ghost? Molto probabile. L’attore ha infatti precisato che l’intenzione è proprio quella. Ma non solo! Si è spinto oltre affermando che le sue intenzioni sono quelle di apportare diversi cambiamenti alla pellicola originale. Cambiamenti che secondo lui sono necessari per adattarla al gusto più moderno del pubblico attuale.

Riuscirà ad infondere nel remake la stessa magia del Ghost originale? Non ci resta che aspettare la nuova uscita nelle sale cinematografiche.