Adamoeva

0
25

Regia: Alfredo Confessore
Anno: 2010

E se Dominiddio come si diceva nel Medioevo ci avesse punito per un altro motivo? E se la mela non c’entrasse nulla? Teologi di tutto il mondo unitevi. E poi Dio c’era quando è avvenuto il fattaccio? Domande. Tante domande.
Una risposta la offre sicuramente questo cortometraggio animato, scritto diretto e montato da Alfredo Confessore. Un cortometraggio che sembra non promettere niente fino alla metà del suo svolgimento, invece ha il coraggio e la presunzione lecita di sconvolgere ogni aspettativa quasi sul finale. Fa sì che il piccolo ma inesorabile film possa inglobare una strategia nuova su cui fondare l’intero universo.

La trama è quella consolidata di Adamo ed Eva sotto l’albero che non è maestro ma cattivo maestro come è così di moda oggi. Foriero di aspettative nei pochi incroci possibili in un mondo povero di iniziative e attività culturali. Adamo ed Eva dovevano annoiarsi a morte se si sono giocati l’Eden per un piccolo e malconciato rapporto sessuale. Eppure forse il sentimento e la noia, che sarebbe stata codificata solo dai romantici migliaia di anni dopo, non dovevano entrarci più di tanto.
Sarà stata la fame? Questa è la domanda successiva.

Ma che tipo di fame, quella che può essere saziata con una mela? Nessuna Fame può essere saziata da una mela. ce lo dice il bianco e nero del corto con voci da brividi e suoni quasi gutturali a ricordarci che a parte i Testimoni di Geova nessuno può pensare che Adamo ed Eva proferissero parole evolute di un linguaggio fuori dal tempo. Erano selvaggi è questo è quanto. Prigionieri ed artefici del proprio destino, in un Eden che di tutto sapeva fuorché di Paradiso.

Tutto è fatto bene in questo bel cortometraggio stilizzato e spettrale, c’è un lavoro che destina gli ampollosi agglomerati della tecnica moderna ai dimenticatoi ricordandoci che il cinema è nato dalle le proiezioni delle Lampade Magiche, dalle proiezioni statiche e delle storie mitiche. L’animazione prende forma attraverso la narrazione e viceversa, in un conglomerato di partecipazione che lascia poco spazio all’interpretazione. Oltre al regista  Andrea Confessore bisogna citare sicuramente Marco Parentela che ha animato la storia senza strafare ma con garbo e parsimonia da professionista. Il suono  sempre di Marco Parentela rende gutturale ogni espressione e questo è un merito non da poco in una storia dell’inizio dei tempi.

L’autore e regista, insieme al creativo delle arti grafiche ci regalano uno spazio inconsueto dove riabilitare ogni vecchia aspirazione e seppellire ogni altra vocazione sussidiaria. L’amore fatto e preso da dietro concimano la vita e rendono la morte arte della sopravvivenza, in un tutt’uno verticale che sale sull’albero in forma di serpente che al catechismo non ci hanno mai insegnato. Sale fino a diventare simbolo dell’immaginario complesso che lascia l’amaro nelle bocche dei cannibali ortodossi. La storia c’è, il finale è da brividi, e le coscienze vengono interessate quanto basta. Tutto in una prospettiva pessimista di sicura foggia moderna. Il primo minuto è sprecato nei titoli, ma il resto vale l’attesa. E l’attesa spesso paga e ripaga. Specie quando non costa una vita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.